Attività di tutela e reintroduzione della fauna selvatica

Un importante compito demandato agli Agenti della Polizia Locale Faunistico-Ambientale è quello della tutela e della protezione della fauna in difficoltà. In questa attività la Provincia si avvale di due centri di recupero convenzionati che provvedono a fornire le cure agli animali selvatici trovati feriti o debilitati sul territorio provinciale. Si ricorda che è fatto obbligo a chiunque si trovasse in disponibilità di fauna selvatica viva di segnalare ai comuni, agli ATC o CA o alla provincia che provvederanno a destinare, previa stipula di apposita convenzione, l'esemplare ad un CRAS. Se l'animale rinvenuto appartiene a specie protetta è obbligatorio segnalarne il ritrovamento alla Regione. (Art. 19, comma 4, legge regionale 19 giugno 2018 n. 5 e s.m.i.).

Per segnalare i ritrovamenti alla Provincia si può telefonare ai seguenti numeri:

  • Polizia Locale Faunistico Ambientale: tel. 0171 445254/445218 (lun-ven orario di ufficio)

oppure direttamente ai seguenti centri di recupero convenzionati:

  • Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo, Via Alpi n. 25, tel. 0171 82305 (mammiferi ed avifauna)
  • Centro Recupero Animali Selvatici c/o Centro Cicogne e Anatidi di Racconigi, Via Stramiano, 30, tel. 0172 83457 (avifauna)

Attenzione: nel periodo primaverile, aggirandosi per i boschi, può essere facile rinvenire cuccioli di capriolo apparentemente abbandonati. Non toccateli e/o raccoglieteli perchè l'abbandono è solitamente momentaneo. Probabilmente la mamma, come è comportamento abituale della specie per i primi quindici giorni di vita del piccolo, lo ha lasciato in un posto tranquillo e ben nascosto ai predatori per cibarsi e ritornare da lui esclusivamente durante le fasi di allattamento. Solo nel caso di evidente difficoltà o palese ferimento segnalate la localizzazione dell'animale agli addetti ai lavori (Guardie Provinciali o Forestali, Guardie Volontarie Venatorie o Ambientali ecc...) i quali potranno verificare se sia necessario intervenire per il suo soccorso. Si eviterà così di riempire i centri di recupero con animali perfettamente sani che, senza gli insegnamenti materni, tolti dal proprio ambiente naturale peranno la loro rusticità e che difficilmente potranno essere reinseriti nell'ambiente naturale.

Di seguito possono essere consultati alcuni comunicati stampa relativi alle attività di recupero e reintroduzione della fauna selvatica in provincia di Cuneo:

Settore: 
Presidio del territorio
Ufficio: 
Vigilanza e servizio antisofisticazione vinicola
Dirigente o Funzionario responsabile: 
Risso Alessandro
Posizione Organizzativa / Alta Professionalità: 
Civallero Valerio
Referente/i: 
Civallero Valerio
Telefono: 
0171 445 254
0171 445 218
Ubicazione ufficio: 
Cuneo - Corso Nizza 21 - piano terra
Riferimento normativo: 

Art. 19, comma 4, legge regionale 19 giugno 2018 n. 5 e s.m.i.

Copyright © Provincia di Cuneo 1999 - 2019