La Licenza di pesca

Tutti coloro che intendono pescare nelle acque interne della Regione Piemonte debbono essere muniti di licenza. I cittadini italiani residenti in altre regioni possono esercitare la pesca utilizzando la licenza valida rilasciata dalla propria regione/provincia di residenza.

I pescatori residenti sul territorio della Regione Piemonte possono ottenere la licenza di tipo A, se intendono esercitare la pesca professionale o la licenza di tipo B e D, se intendono esercitare quella dilettantistica. La licenza di professionale è di tipo cartaceo ed è rilasciata dalla provincia di residenza, ha validità sei anni ed è soggetta al pagamento annuale delle tasse e soprattasse regionali; la licenza dilettantistica è costituita esclusivamente dalla ricevuta di versamento delle tasse e soprattasse regionali.

Tutte le licenze consentono la pesca in tutte le acque interne italiane cosidette "libere", ovvero quelle non gravate da diritti esclusivi di pesca, usi civici ecc.....

Tipi di licenze

Gli importi delle tasse e soprattasse pesca per l'anno 2020 sono invariati rispetto all'anno precedente e sono così stabiliti:

  • Licenza di tipo "A" professionale: € 65,00 (Tassa regionale € 22,00+Soprattassa € 43,00).
  • Licenza di tipo "B" dilettantistica per residenti: € 35 (Tassa regionale € 12,00+Soprattassa € 23,00).
  • Licenza di tipo "D" dilettantistica per cittadini stranieri (validità tre mesi): Tassa regionale € 14,00. 

Modalità di pagamento

Per effettuare il pagamento delle licenze di pesca a partire dal prossimo 1° luglio 2020 dovrà essere utilizzato esclusivamente il sistema PagoPA. L’obbligo riguarda tutti i pagamenti effettuati alla Regione Piemonte, ivi compresi quelli della tassa e soprattassa pesca che è necessario eseguire per ottenere la licenza in oggetto e la cui ricevuta, com’è noto, costituisce la licenza stessa attestandone il possesso. Pertanto, stando alla vigente normativa non sarà più possibile eseguire il pagamento secondo le forme tradizionali (bollettino postale o bonifico bancario dedicato) ma occorrerà necessariamente utilizzare la piattaforma PiemontePay, accessibile direttamente da qui, che fornirà tutte le indicazioni sulle modalità di pagamento. In caso di pagamento online immediato il sistema genererà una ricevuta in formato elettronico, anche in versione stampabile, che il cittadino pescatore potrà conservare sul proprio telefono cellulare o stampare e portare con sé per eventualmente esibirla in caso di verifica da parte delle autorità di vigilanza. Il pagamento potrà essere effettuato anche in modo differito attraverso gli intermediari abilitati ad effettuare versamenti alla pubblica amministrazione attraverso il sistema Pago PA, ovvero  presso gli sportelli ATM della tua banca (se abilitati), presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5 oppure presso gli Uffici Postali, previo scarico e stampa dell'avviso di pagamento generato dal sistema. Per ulteriori chiarimenti consulta la pagina web della Regione Piemonte.

Validità della licenza

  • I versamenti delle tasse e soprattasse per le licenze di tipo A e B sono validi per 365 giorni decorrenti dal giorno del versamento.
  • La licenza di tipo D ha validità di tre mesi dalla data di versamento della tassa regionale.

Esenzioni

Sono esonerati dal pagamento delle tasse e soprattasse i cittadini italiani minori di anni 14 ed i soggetti di cui all’art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate). Tali soggetti possono esercitare la pesca con un documento che attesti il diritto all’esenzione ed un documento di identità valido. Il Regolamento Regionale 1/R/12 precisa che l’esenzione è valida esclusivamente sul territorio piemontese. Coloro che intendono esercitare la pesca in altre regioni dovranno effettuare i versamenti della tassa e soprattassa pesca come previsto per la licenza di tipo “B”.

Il permesso temporaneo di pesca giornaliero

La legge regionale sulla pesca consente al pescatore occasionale di pescare con il permesso giornaliero. Il permesso è regolamentato dalle singole province piemontesi ed è valido esclusivamente per un giorno nelle acque ricomprese nel territorio della provincia che lo rilascia.

Per la provincia di Cuneo il permesso giornaliero di pesca ha il costo di € 5 e può essere ottenuto nei modi seguenti:

  • effettuando il versamento di € 5 sul

c/c postale n. 14641120
Intestato a: Provincia di Cuneo - Caccia e Pesca - Servizio Tesoreria
Causale del versamento: "Permesso di pesca giornaliero per il gg/mm/anno"

  • acquistando il Permesso giornaliero cartaceo dal costo di € 5 rilasciato dai concessionari/proprietari di riserve di pesca, dai negozi di articoli sportivi o da altri esercizi commerciali.

I permessi giornalieri, se non debitamente compilati in ogni loro parte, non sono validi!

Avvertenza importante:

Per esercitare poi la pesca nelle acque in concessione (DDE Provincia, FIPSAS, altre Associazioni, Privati ecc..) il pescatore dovrà versare un ulteriore importo al titolare del diritto di pesca (per gli importi rivolgersi ai vari soggetti titolari della concessione)

Sui bollettini o sui bonifici dovranno essere obbligatoriamente riportati i dati anagrafici del pescatore nonché la causale del versamento "Licenza di pesca dilettantistica (o professionale) di tipo .......(A, B o D)".

Le ricevute delle licenze dovranno essere esibite ai controlli effettuati sul territorio unitamente ad un documento di identità valido.

Settore: 
Presidio del territorio
Ufficio: 
Caccia pesca parchi e foreste
Dirigente o Funzionario responsabile: 
Risso Alessandro
Posizione Organizzativa / Alta Professionalità: 
Sereno Mariano
Referente/i: 
Giubergia Ilaria
Giordano Elena Anna
Telefono: 
0171445 365
0171 445 302
Ubicazione ufficio: 
Cuneo - Corso Nizza, 21 - 1° piano, stanza n. 144
Argomenti correlati: 
Riferimento normativo: 

Legge regionale 37/2006

Regolamento regionale n. 1 del 10 gennaio 2012

Copyright © Provincia di Cuneo 1999 - 2020