Opzione di caccia

 La Regione Piemonte, con D.G.R. 30 Luglio 2012, n. 211-4413 (B.U.R. n. 31 del 2.08.2012), ha ridefinito i criteri per il cambio dell'opzione sulla forma di caccia prescelta in via esclusiva disciplinata dall’articolo 12, comma 5 della legge 157/1992. La norma prevede l'obbligo in capo a tutti i neo cacciatori, superato positivamente l'esame per il conseguimento dell'abilitazione venatoria e prima della presentazione della richiesta di ammissione ad un ATC o CA,  di comunicare alla propria provincia di residenza l’opzione sulla forma esclusiva di caccia che si intende praticare.

L'opzione non ha scadenza ma la sua variazione può essere comunicata, alla Provincia di residenza, entro il 31 gennaio di ciascun anno con validità a far data dall’inizio della stagione venatoria successiva.

L’opzione può essere altresì modificata nel corso della stagione venatoria per i seguenti motivi:

  • gravi ragioni di salute, comprovate da certificato rilasciato da medico legale;
  • trasferimento della residenza del cacciatore da comune compreso nella zona faunistica di pianura a comune incluso nella zona faunistica delle Alpi o viceversa.
Settore: 
Presidio del territorio
Ufficio: 
Caccia pesca parchi e foreste
Dirigente o Funzionario responsabile: 
Risso Alessandro
Posizione Organizzativa / Alta Professionalità: 
Sereno Mariano
Referente/i: 
Giubergia Ilaria
Giordano Elena Anna
Telefono: 
0171 445 365
0171 445 302
Ubicazione ufficio: 
Cuneo - Corso Nizza, 21 - 1° piano, stanza n. 144
Codice ufficio: 
CPF
Codice Servizio: 
autcacc
Argomenti correlati: 
Riferimento normativo: 
  • Art. 12,  comma 5 Legge 157/92
  • Art. 4, comma 6 lett. g) L.R. 5/18
  • D.G.R. 30 Luglio 2012, n. 211-4413

Copyright © Provincia di Cuneo 1999 - 2019