Rilascio di autorizzazione all’immissione di materiale ittico in ambiente acquatico

Referenti

L'immissione di fauna ittica nelle acque interne della Regione è soggetta ad autorizzazione della provincia ed avviene nel rispetto dei requisiti sanitari previsti dalla normativa vigente.
L'immissione di fauna ittica nelle acque interne regionali è consentita limitatamente alle specie autoctone ricomprese nell'allegato B del Regolamento Regionale Pesca 1/R/12.
Particolari disposizioni sono dettate per la protezione della biodiversità della specie trota marmorata (Salmo trutta marmoratus):
a) è vietata in tutte le acque della Regione Piemonte qualsiasi immissione di trote marmorate e loro ibridi, ad eccezione degli esemplari prodotti in strutture di allevamento gestite in forma diretta o indiretta o comunque autorizzate dalle Province e sottoposti, mediante controlli a campione, a controllo genetico;
b) sono consentite, nelle more dell'approvazione del Piano ittico regionale, le immissioni di trote marmorate esclusivamente nelle acque salmonicole di cui all'allegato A.
La provincia, sentito il comitato consultivo pesca, per motivate esigenze può assumere analoghe disposizioni per altre specie. L'autorizzazione non è necessaria per le immissioni effettuate negli impianti e nelle acque destinate all'acquacoltura ovvero nelle acque pubbliche in disponibilità privata e negli impianti e bacini privati per la pesca a pagamento con i requisiti di cui all'articolo 10, comma 5, lettera f), numero 4 della l.r. 37/2006, nel rispetto dei requisiti sanitari previsti dalla normativa vigente.

Iter autorizzativo

  • presentazione domanda in bollo; (Scarica il modello)
  • verifica dei requisiti del soggetto richiedente e analisi della conformità della richiesta con i piani ittici regionale e provinciale;
  • rilascio autorizzazione per l'immissione nel rispetto delle disposizioni sanitarie in materia.

Riferimenti normativi

  • Art. 4 Legge Regionale 37/06;
  • Art. 25 Regolamento Regionale pesca 1/R/2012.
Aggiornato il 04.10.2018
© Provincia di Cuneo 1999 - 2019