Danni provocati da fauna selvatica

La convivenza tra la fauna selvatica e l'uomo può comportare alcuni problemi, soprattutto nelle aree della provincia più antropizzate o in cui è molto sviluppata l'agricoltura. Infatti i maggiori problemi sorgono quando gli animali selvatici, in particolare gli ungulati, interagiscono con le attività umane pascolando in terreni adibiti a coltivazione o allevamento del bestiame oppure nei loro spostamenti attraversano le arterie stradali. La normativa statale e regionale vigente prevede due forme di ristoro dei danni subiti in questi frangenti:

  • il risarcimento dei danni alle colture agricole, secondo un regolamento adottato dalla Giunta Provinciale;
  • un contributo a favore dei soggetti coinvolti in sinistri stradali esclusivamente con fauna selvatica ungulata, la cui erogazione è stabilita secondo norme regionali. (Attività sospesa dal 1.1.2012 vedi comunicato stampa)

Risarcimento danni da fauna selvatica alle coltivazioni agricole

Referenti:

Nella sezione normativa è possibile prendere visione delle principali norme.

In caso di danni a colture agrarie provocati da fauna selvatica il conduttore del fondo può presentare una domanda di risarcimento.

In funzione della localizzazione del danno, l'istanza andrà presentata al soggetto che, per legge o regolamento, ha la gestione della zona, secondo il seguente schema:

Localizzazione del danno Ente o Persona a cui presentare l'istanza
Zone di ripopolamento e cattura Provincia di Cuneo (*)
Oasi di protezione Provincia di Cuneo (*)
Centri pubblici di riproduzione della fauna selvatica Provincia di Cuneo
Parchi per i terreni situati in queste zone Provincia di Cuneo
Terreno cacciabile in Zona Alpi Comprensorio Alpino (CA)
Terreno Cacciabile in Zona di Pianura Ambito Territoriale di Caccia (ATC)
Terreno cacciabile in riserva privata di caccia Concessionario dell'Azienda faunistico-Venatoria o Agri-Turistico- Venatoria
Zona di addestramento Cani Ente o Associazione che gestisce la zona

*Nota: Si tenga presente che dal 2004 la Provincia di Cuneo ha concesso in gestione le Zone di ripopolamento e Cattura. le Oasi e i Centri Pubblici di riproduzione della Fauna Selvatica ai seguenti ATC e CA:

  • ATC CN1 Cuneo
  • ATC CN2 Saluzzo-Savigliano
  • ATC CN3 Roero
  • ATC CN4 Alba-Dogliani
  • ATC CN5 Cortemilia
  • CA CN1 Valle Po
  • CA CN2 Valle Varaita
  • CA CN5 Valli Gesso, Vermenagna e Pesio

La valutazione dei danni viene effettuata secondo il regolamento approvato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. 218 del 4 maggio 2006

Per meglio comprendere le diverse competenze e la zonizzazione del territorio ai fini della gestione venatoria si consiglia di consultare la cartografia del Piano Faunistico Venatorio

La cartografia è consultabile anche presso l'Ufficio Caccia della Provincia di Cuneo secondo gli orari di apertura al pubblico. Presso lo stesso ufficio;viene data assistenza qualora vi fossero dubbi sull'individuazione della zona interessata dai danni.

Accesso al fondo di solidarietà a favore dei soggetti coinvolti in sinistri stradali con fauna selvatica ungulata.

Referente:

Comunicazione:

Si informa che a seguito di comunicazione della Regione Piemonte il Fondo di Solidarietà di cui al di cui al DPGR 12/R del 14/07/2008 relativo ai contributi a favore dei soggetti coinvolti in sinistri stradali con fauna selvatica ungulata non verrà più finanziato dall'anno 2012. Pertanto non sarà dato corso alle eventuali istanze che perverranno a questa Amministrazione riferite ad incidenti avvenuti dopo il 31 dicembre 2011.

Vedi comunicato ufficiale

Di seguito è possibile consultare i dati relativi agli incidenti stradali con fauna selvatica ungulata in provincia di Cuneo riferiti agli anni 2008, 2009, 2010 e 2011. 

Aggiornato il 24.01.2014
© Provincia di Cuneo 1999 - 2017