Progetti provinciali diretti finanziati dalla L. 482/1999

Referenti

Annualità 2008

Ai sensi degli artt. 9 e 15 della L. 482/1999, gli enti locali possono ottenere contributi a copertura delle spese sostenute per l’assolvimento degli obblighi derivanti dall’applicazione della citata legge, secondo le modalità indicate dall'art. 8 del D.P.R. 02/05/2001 n. 345. Nel 2008 La Provincia di Cuneo ha aderito al progetto proposto dalla Provincia di Torino denominato “LE LINGUE MADRI OCCITANA, FRANCOPROVENZALE FRANCESE COME VALORE AGGIUNTO DELLA MONTAGNA DELLA PROVINCIA DI TORINO, IMPERIA E CUNEO” e finanziato dalla Regione Piemonte.

Il progetto intende valorizzare, attraverso l’applicazione della legge 482, il valore aggiunto rappresentato dalle lingue madri occitana, francoprovenzale e francese attraverso azioni mirate nei seguenti settori:

Sportello di Servizio Linguistico in rete

Lo Sportello intende operare in rete prevedendo sportelli capo fila  stanziali presso enti del territorio, uno sportello itinerante, uno sportello informatico. Effettua una animazione territoriale con una campagna mirata sulla lingua o sulle lingue, con una azione diffusa e replicabile sui territori e con l’applicazione di metodologie tecnologicamente di avanguardia.

Formazione del personale

Due sono le azioni sulle quali si dirige la Formazione:

  • la Formazione di Formatori: un gruppo di operatori che già hanno iniziato un percorso di insegnamento viene formato per essere Formatore
  • la Formazione di Traduttori – Interpreti  e Animatori in socializzazione linguistica nelle lingue minoritarie: un gruppo di operatori inizia un percorso che li porti a confrontarsi col territorio di lingua minoritaria con una nuova sensibilità e un nuovo approccio che tenga conto del valore aggiunto rappresentato dalla “diversità linguistica” e della necessità di valorizzarla come patrimonio comune dell’umanità.

Conoscenza e promozione della Legge 482

Verranno proposte delle iniziative di socializzazione linguistica territoriale da attuarsi in rete attingendo dalle esperienze finora condotte sul territorio, anche in relazione ai migliori risultati e obiettivi raggiunti. In particolare si proporranno iniziative di tutela e valorizzazione culturale incentrate sulle tematiche delle minoranze con particolare riferimento a musica, teatro e convegni che culmineranno con la giornata delle minoranze linguistiche.

Il sito è consultabile all’indirizzo http://chambradoc.it/provinciaCuneo.page

Annualità 2010

Introduzione

Ai sensi degli artt. 9 e 15 della L. 482/1999, gli enti locali possono ottenere contributi a copertura delle spese sostenute per l’assolvimento degli obblighi derivanti dall’applicazione della citata legge, secondo le modalità indicate dall'art. 8 del D.P.R. 02/05/2001 n. 345. Con D.P.C.M. 19/07/2011 sono stati ripartiti i finanziamenti di legge relativi all’annualità 2010. La Provincia di Cuneo ha così visto finanziato il progetto denominato "Grande dizionario della lingua provenzale delle Alpi Occidentali Italiane, fase Provenzale - Italiano e informazione in lingua minoritaria".

Il progetto, in estrema sintesi, consiste

  • nella realizzazione di trasmissioni televisive a tema partendo da oggetti e attrezzature più significative della cultura e della civiltà provenzale in modo che l’ascoltatore colleghi l'oggetto alla parola in lingua minoritaria che lo definisce
  • nella organizzazione di rubriche in lingua minoritaria e nazionale su testate locali
  • nella rivitalizzazione e recupero della lingua con la partecipazione attiva degli istituti scolastici
  • nella realizzazione di un sito web dove tutti gli articoli che verranno pubblicati dai vari giornali e riviste saranno poi raccolti in modo da essere così facilmente consultabili in qualsiasi momento sia dai locutori che da appassionati della lingua minoritaria.

Link al sito web http://www.dizionarioprovenzale.it/

Annualità 2011

Introduzione

Ai sensi degli artt. 9 e 15 della L. 482/1999, gli enti locali possono ottenere contributi a copertura delle spese sostenute per l’assolvimento degli obblighi derivanti dall’applicazione della citata legge, secondo le modalità indicate dall'art. 8 del D.P.R. 02/05/2001 n. 345.

Relativamente all’annualità 2011, alla Provincia di Cuneo è stato riconosciuto il finanziamento del progetto denominato "Corso di formazione finalizzato all’acquisizione di competenze sull’uso orale e scritto della lingua minoritaria" destinato, prioritariamente, ai dipendenti provinciali.

Il progetto, mediante l’esclusiva collaborazione dei docenti della Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Torino, chiamati ad assumere il ruolo di coordinatori scientifici dell’iniziativa, si articola in due distinti momenti.

Un primo ciclo di lezioni a carattere introduttivo si propone di osservare ed esaminare l’area di lingua d’oc da prospettive differenti (letteraria, linguistica, storica, antropologica, ecc.), mentre il secondo, incentrato sulle diverse realtà delle valli, intende porsi quale momento di incontro con la variabilità spaziale della lingua d’oc.

Ciò avverrà mediante il coinvolgimento di un esperto locale, che presenterà per ogni valle, un profilo linguistico e sociolinguistico, accompagnato da un testimone che offrirà esempi di uso della varietà locale (racconti, proverbi, testi letterari). Il relatore svilupperà, per la valle di competenza, un argomento di interesse etnografico o linguistico o etnolingusitico.

Nell’attività di tutoraggio, verranno sviluppati approfondimenti ed esercitazioni pratiche di applicazione della lingua di minoranza nell’iter amministrativo.

Gli obiettivi proposti e la strategia prevista sono:

  • l’apprendere le basi per leggere, scrivere la lingua minoritaria e la sua applicazione pratica all’interno delle pratiche amministrative;
  • creare un nuovo modo di porsi e di interloquire grazie alla lingua ancestrale;
  • formare il discente in modo che quest’ultimo sia cosciente della distinzione tra lingua veicolare e lingua ancestrale e dal ruolo insostituibile di quest’ultima nel mantenimento delle realtà materiali ed immateriali del territorio.

Ciascun corso è così strutturato:

  • introduzione alla lingua occitana e analisi dei testi: presentazione, con excursus storico della lingua occitana attraverso i secoli e lettura di brani significativi;
  • uso scritto della lingua in ambito professionale;
  • uso orale della lingua in ambito professionale.

A seguire, le locandine-calendario delle lezioni.

Annualità 2012

Il progetto “Recupero, rivitalizzazione, trasmissione della memoria della lingua di minoranza” legge 482/99 annualità 2012 ha avuto inizio nel mese di luglio 2014 e sarà portato a compimento entro il 31 dicembre 2014.

L'azione progettuale è imperniata su due linee fondamentali:

1) Sportelli linguistici

Sportello linguistico provinciale
Un servizio al cittadino che il Settore Lavoro e Cultura – Ufficio Cultura (in attuazione degli indirizzi dell'Assessorato Istruzione e Cultura) della Provincia di Cuneo intende offrire a tutte le persone appartenenti o non appartenenti a minoranze linguistiche storiche. In particolar modo, si intende rivolgere l’azione dello Sportello in favore degli amministratori pubblici, insegnanti, liberi professionisti o appassionati delle lingue minoritarie, offrendo un supporto linguistico qualificato e competente. Fino ad oggi in Provincia di Cuneo non si è arrivati ad una visione generale del problema e soprattutto a conoscere l’esatta consistenza numerica dei locutori della lingua di minoranza, nel senso che non si è tracciata, formalizzata e/o divulgata una mappatura aggiornata delle aree o delle entità comunali dove effettivamente si parla ancora la lingua di minoranza. I dati in possesso dell’Ufficio sono parziali e sicuramente non aggiornati. Acquisire dei dati aggiornati consente di organizzare azioni mirate per la salvaguardia della lingua. Il compito dello Sportello linguistico centrale, in collaborazione con i comuni partner, è proprio quello di individuare con la massima precisione e attinenza alla realtà, l’esatta area geografica interessata dalla lingua di minoranza e l’uso che i cittadini ne fanno, comprendendo se viene usata a livello familiare, nei rapporti sociali o in discussioni che riguardano rapporti pubblici ed istituzionali.

Locale messo a disposizione dall'Ente Provincia sito in via XX Settembre 48 Cuneo
Lo Sportello è sito in Via XX Settembre n. 48 (presso l’Amministrazione Provinciale di Cuneo) e rimarrà in funzione dal 22 settembre 2014 al 19 dicembre 2014, rispettando il seguente orario:

  • lunedì: dalle ore  9,00 alle ore 12,00 dalle ore 14,00 alle ore 16,00
  • martedì: dalle ore  9,00 alle ore 13,00
  • mercoledì: dalle ore  8,00 alle ore 13,00
  • giovedì: dalle ore  8,00 alle ore 17,00 (orario continuato)
  • venerdì: dalle ore  8,00 alle ore 13,00

Sportelli periferici

  • Comuni coinvolti: Entracque, Frabosa Sottana, Marmora , Casteldelfino.
  • Orari apertura nei quattro comuni sede di sportelli linguistici periferici: tutti i fine settimana dei mesi di agosto e settembre.
  • Apertura giornaliera durante la settimana di ferragosto 2014.
  • Apertura giornaliera durante le festività natalizie
2) Formazione

L’uso della lingua di minoranza all’interno della pubblica amministrazione riesce spesso a far superare preconcetti o barriere psicologiche che si vengono a creare tra utente e amministrazione.
Si è reso, dunque, essenziale un progetto formativo per l’uso della lingua di minoranza sia a livello istituzionale che corrente, destinato al personale (prioritariamente provinciale) della Pubblica Amministrazione (aperto al pubblico esterno in qualità di uditore), finalizzato all’acquisizione di competenze nell’uso orale e scritto della lingua minoritaria da utilizzare nell’attività amministrativa.
Sarà compito del docente e del tutor adattare l’insegnamento di una lingua ancestrale all’uso pratico dell’idioma applicato al suo uso all’interno dell’amministrazione pubblica.
Gli obiettivi proposti e la strategia prevista sono:

  • nozioni base per leggere, scrivere la lingua minoritaria e la sua applicazione pratica all’interno delle pratiche amministrative tenuto conto dei livelli raggiunti nel precedente corso finanziato per l’annualità di riferimento anni 2011/2012;
  • creare un nuovo modo di porsi e di interloquire grazie alla lingua ancestrale;
  • formare il discente in modo che quest’ultimo sia cosciente della distinzione tra lingua veicolare e lingua ancestrale e dal ruolo insostituibile di quest’ultima nel mantenimento delle realtà materiali ed immateriali del territorio.

Sono previste cinque lezioni.

Quattro saranno svolte a Cuneo presso la sede della Provincia sita in via XX Settembre 48:

  • giovedì 27 novembre ore 16,30-18,30
  • Dal revival culturale alle sfide degli usi della lingua nell’amministrazione (prof Valentina Porcellana);
  • giovedì  4 dicembre ore 16,30 - 18,30
  • Nozioni pratiche di uso della lingua d'oc negli uffici. Applicazione della lingua all'uso corrente dell’amministrazione (prof ssa Aline Pons Dirigente Regione Autonoma Valle d'Aosta / Rappresentante Sindacato autonomo Valle d'Aosta)
  • martedì 9 dicembre ore 16,30 - 18,30
  • Esempi di uso corrente della Lingua d'Oc attraverso testimonianze dirette di persone che svolgono attività presso la pubblica amministrazione provinciale e nei Comuni dell’area d’Oc (Nicola Duberti e testimoni)
  • giovedì 11 dicembre  ore 16,30 - 18,30
  • La grafia della lingua d’oc nei secoli evoluzione da Mistral ai nostri giorni attraverso analisi di testi poetici e letterari (prof Matteo Rivoira / Aline Pons);

Una lezione si terrà nella sede dell'Escolo de Sancto Lucio de Coumboscuro a Monterosso Grana:

  • Sede dell'Escolo de Sancto Lucio de Coumboscuro sabato 29 novembre alle ore 15:30
  • Letture poetiche in lingua d’oc: comparazione tra testi poetici di Sergio Arneodo e Frederì Mistral. La straordinaria ricchezza della lingua d'Oc attraverso la lettura dei testi di due grandi autori (Nicola Duberti/Arturo Rosso/ Remigio Bertolino).

Date, orari e luoghi potranno subire variazioni, delle quali verrà data pronta segnalazione mediante gli strumenti informatici e l’Ufficio Stampa dell’Ente.

AllegatoDimensione
Locandina incontri lingue d'oc1.52 MB
Legge 482/99 annualità 201287.34 KB
Aggiornato il 18.11.2014
© Provincia di Cuneo 1999 - 2017